Oltre la delusione per la doppia sfida con il Cittadella nelle semifinali playoff, pesantissima ed inaspettata la sconfitta per 3-0 al Piercesare Tombolato sotto i colpi di una clamorosa tripletta di Enrico Baldini, veramente inaccettabile, ancor prima, per un roster ed un monte ingaggi del genere, il terzo posto al termine della stagione regolare.

Per uno scherzo dei sorteggi, proprio con il Cittadella, i brianzoli escono subito dalla Coppa Italia 2021/2022 alla vigilia di Ferragosto.

Il Monza punta deciso ad essere la dodicesima società lombarda a partecipare al campionato di Serie A!

Un colpo per il futuro: i brianzoli hanno contrattualizzato il 2004 più talentuoso d'Italia, quel Samuele Vignato, fratello di Emanuel, che già ha esordito in B!

Una promozione buttata

Giovanni Stroppa, nuovo allenatore del Monza

Acquisti mirati, non vecchie glorie

In porta sempre Di Gregorio

Operazioni record

La squadra allenata da Brocchi, non ha mai brillato durante tutto il campionato per qualità di gioco e solidità del collettivo; anzi, è stata protagonista di troppi, troppi passaggi a vuoto.

 

 

Una promozione buttata

Elenchiamone alcuni solo per evidenziare, una volta di più, come nel calcio contino più la testa e le gambe che i conti in banca: dalla fine del girone di andata in poi, un'interminabile sequenza di quattro partite casalinghe senza vittorie, iniziata da un 2-2 con il Cosenza, nonostante il doppio vantaggio dopo appena 25' di gioco.

A fine marzo, in piena corsa secondo le quote serie A per la promozione diretta, solo due punti, collezionati tra l'altro in altrettanti pareggi contro Virtus Entella e Pescara, poi retrocesse come ultima e penultima, in altre quattro partite in un momento assolutamente decisivo del torneo.

Probabilmente non sarebbe stata un'idea sbagliata operare un cambio in panchina, ma Galliani ha preferito terminare la stagione con Brocchi, protagonista, si fa per dire, della promozione dalla C alla B. 


Giovanni Stroppa, nuovo allenatore del Monza

Il casting per il nuovo tecnico, sempre tra professionisti di casa a Milanello, ha portato alla scelta su Giovanni Stroppa. Se si viene selezionati dalla coppia meravigliosa del calcio italiano, e non solo, al termine di un pranzo ad Arcore, l'investitura è di quelle pesanti, altroché Coverciano! 

L'ex fantasista, con un gol anche nella finale della Libertadores del 1990, è reduce da un'annata negativa al Crotone: dopo aver portato i calabresi nella massima serie, è rimasto alla guida di Simy e compagni per 24 giornate con un bottino di appena 12 punti ed, al momento della sostituzione con l'energico Serse Cosmi, sei sconfitte consecutive.

Se nei due passaggi in A Giovannino non ha avuto particolari soddisfazioni, l'altro sulla panchina del Pescara, ereditata nell'estate del 2012 dal Maestro Zeman, in B Stroppa ha fatto bene proprio a Foggia, a proposito di boemo, e, naturalmente, a Crotone, con una promozione non banale.

All’U-Power Stadium si passerà dal 4-3-3 della stagione 2020/2021 ad un sistema di gioco più flessibile, con due concetti chiave e non separabili: il gioco e la vittoria!

Acquisti mirati, non vecchie glorie

Rispetto al fantasioso mercato da neopromossi in B, pieno di firme prestigiose, un minuto dopo l'eliminazione dai playoff, il Condor Galliani ha deciso di cambiare strategia. Sì, è vero: il terzo posto in Serie B è il risultato migliore della storia calcistica dei brianzoli, però è stato davvero delittuoso non aver indovinato neanche un acquisto, soprattutto nel sovraffollato reparto offensivo.

Boateng, Balotelli e Diaw, 11 gol stagionali, ma solo 1 in maglia rossa, non hanno portato le reti sperate; l'ex attaccante del Pordenone è stato ceduto in prestito al Vicenza per non caricarlo di responsabilità eccessive, dopo l'impatto non felice in Brianza.

Un'esultanza del Monza!

Valoti dalla Spal sostituisce Frattesi sull'intermedio e dovrebbe farlo anche in termine di contributo di realizzazioni, visto che il gioiellino romano, con i suoi inserimenti, è stato il bomber stagionale, con 8 marcature.

Prestigioso l'arrivo di Pedro Pereira, nell'ultimo campionato allenato proprio da Stroppa al Crotone, dal Benfica: il portoghese può agire indifferentemente in più posizioni nella catena di destra.

A proposito di lusitani, se Berlusconi si opporrà alla cessione di Dany Mota, straordinario anche con la sua rappresentativa nella fase finale degli Europei Under 21, due gol incredibili in 30' nella sfida ricca di gol per il calcio scommesse con l'Italia, questo sarà il miglior acquisto, non solo del Monza, ma dell'intera cadetteria!
 

In porta sempre Di Gregorio 

Uno dei pochi confermati dello Starting Eleven della stagione 2020 è il portiere Michele Di Gregorio, classe 1997, scuola Inter, per il quale si è rinnovato il prestito, con obbligo di riscatto in caso di promozione in A, proprio con la società nerazzurra.

Nel primo anno al Monza, Di Gregorio ha subito 24 reti è stato, per distacco, il calciatore migliore per rendimento dell'intera rosa dei brianzoli; veramente un paradosso per una squadra che di tiri in porta ne avrebbe dovuti subire pochi...

Nonostante la giovane età, in particolare per un estremo difensore, alla prima data di pubblicazione di questo contenuto, il milanese, cresciuto con il mito Handanovic, ha già disputato oltre 120 presenze tra i professionisti, la metà in B a difesa dei pali del Monza e, nella stagione ancora precedente del Pordenone.

Operazioni record

Dalle tabelle che qui pubblichiamo emerge chiaramente come dal 28 settembre 2018, data nella quale si è ufficializzato il passeggio di quote dall'ex Presidente Nicola Colombo al Gruppo Fininvest di Berlusconi, sia decisamente cambiata la dimensione calcistica del Monza.

Infatti, gli acquisti più cari sono tutte operazioni estremamente recenti, finalizzate, appunto, dalla nuova proprietà, mentre, per scovare cessioni remunerative, soprattutto se ragioniamo che si trattava di miliardi di lire, dobbiamo tornare ai tempi nei quali al Brianteo esordivano fior di attaccanti come Casiraghi e Ganz!

Acquisti record - Monza

  1. Mirko Maric - NK Osijek (2020 – 4,50 milioni)
  2. Carlos Augusto - Corinthians (2020 - 4 milioni)
  3. José Machín - Parma (2020 - 4 milioni)
  4. Davide Diaw - Pordenone (2021 – 3,50 milioni)
  5. Luca Mazzitelli - Sassuolo (2021 - 3 milioni)

Cessioni record - Monza

  1. Pierluigi Casiraghi - Juventus (1988 – 3,30 milioni)
  2. Jean Francois Gillet - Bari (2000 – 2,50 milioni)
  3. Christian Abbiati - Milan (1998 – 1,67 milioni)
  4. Patrice Evra – Nizza (2000 – 600 k)
  5. Maurizio Ganz – Parma (1989 – 550 k)
     

*L'immagine di apertura è di Antonio Calanni (AP Photo). Prima pubblicazione 29 luglio 2021.

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

Articoli Correlati
silvio berlusconi patrimonio | Patrimonio Silvio Berlusconi | Il Cavaliere

Il Cavaliere

Juventus Under 23 | Juve B | Juve seconda squadra

Tutto sulla Juve B

Stipendi Allenatori Serie B | Ingaggi | I più pagati

Nesta fuori dal podio

Monte ingaggi Serie B | Stipendi calciatori Monza | Budget Lecce

10 milioni di spesa per l'Empoli

Spal stipendi | Rosa SPAL 2020/2021| Monte ingaggi

Pronti nuovamente per la A