Arrivare in vetta giovanissimi e rimanerci per i due decenni successivi non è roba da tutti, figurarsi in uno sport come il motociclismo. Ogni anno spuntano ragazzini dal talento prodigioso e senza paura del pericolo, che non vedono l’ora di fare le scarpe ai grandi “vecchi”.

Valentino Rossi news

Vale 46

stipendio valentino rossi

quanto guadagna valentino rossi

Patrimonio Valentino Rossi

Ma persino adesso che, a 42 anni compiuti i risultati non arrivano più, il rispetto che il solo nome di Valentino Rossi suscita in chiunque salga in sella a una moto resta immenso. 

Valentino Rossi news

Del resto, si parla “soltanto” dell’unico pilota della storia del motomondiale ad aver vinto il campionato iridato in quattro classi. Tutto è iniziato nel 1996, con le prime corse in 125 e già l’anno dopo è arrivato il titolo. Al passaggio in 250, stesso pattern, secondo nella prima stagione e poi campione. E non poteva andare in maniera diversa in 500, con il secondo posto dietro a Kenny Roberts nel 2000 e la vittoria nel 2001.

Quando poi la cilindrata massima è diventata MotoGP non c’è stato bisogno di apprendistato. E quindi in bacheca il Dottore ha nove titoli iridati e anche se l’ultimo per le scommesse Motogp è ormai datato 2009, il fenomeno di Tavullia resta sempre una delle leggende della storia delle due ruote.

Vale 46

Un personaggio, dentro e fuori dai circuiti, con una mediaticità che i suoi colleghi si possono soltanto sognare. Uno che ha scritto un libro ed è stato protagonista di diversi documentari, che ha un videogioco dedicato a lui e che è considerato uno dei maggiori ambasciatori della cultura italiana nel mondo.

Il suo 46 è un marchio, nel vero senso della parola, perché quel numero, ereditato da papà Graziano, non è solo quello che lo ha accompagnato per tutta la carriera (anche quando era costume che il campione del mondo si prendesse il numero 1 nella stagione successiva), ma è anche diventato il simbolo di tutte le sue attività, in pista, ma non solo. Già, perché uno come Valentino non è solo uno sportivo, ma una vera e propria azienda.

Valentino Rossi!

stipendio valentino rossi

A partire dai guadagni come pilota, che in venticinque anni di carriera gli hanno permesso spesso e volentieri di fare capolino nella classifica di Forbes degli sportivi con i maggiori incassi. Le stagioni con l’ingaggio maggiore sono state quelle della prima esperienza in Yamaha.

Nel 2003 la scuderia giapponese lo rende lo sportivo italiano più pagato di sempre con un ingaggio da 15 milioni di euro a stagione, che negli anni tra il 2008 e il 2010 salgono vertiginosamente, considerando anche le sponsorizzazioni, a cifre che oscillano attorno ai 30 milioni stagionali.

L’approdo in Ducati ha visto un calo degli introiti annuali del Dottore, che però si è sempre mantenuto sui 20 milioni a stagione, cifre che tutt’ora riesce ad avvicinare nonostante l’ultimo contratto siglato, quello con la Yamaha Petronas (squadra clienti) sia ulteriormente sceso a 4 milioni a stagione rispetto ai 7 percepiti quando era alla guida della moto ufficiale. 

quanto guadagna valentino rossi

E il fatto che Rossi guadagni molto di più di molti altri colleghi segnala un dato preoccupante per lo stesso Circus. Diverse analisi di mercato svolte negli anni dimostrano che al suo ritiro, quasi un terzo degli sponsor del Motomondiale potrebbe mollare, con un impatto fortissimo anche sul valore dei diritti TV.

Non sorprende dunque che alcuni dei marchi più importanti (come appunto la Petronas, o la AGV) continuano a spuntare sulla moto, sulla tuta e sull’equipaggiamento del Dottore. Nel corso degli anni, poi, Rossi ha prestato il suo celebre volto a diverse campagne pubblicitarie, a partire da quella della birra Nastro Azzurro, per continuare con Fastweb, Telecom, Honda.

Ed è dunque quasi logico, visto il soprannome, che il Dottore sia diventato davvero…dottore in comunicazione e pubblicità grazie ad una laurea honoris causa da parte dell’Università di Urbino.

Patrimonio Valentino Rossi

A ben pensarci, però, Valentino dovrebbe ragionare sulla possibilità della…seconda laurea, considerando che anche in economia e gestione non se la cava affatto male.

Ai suoi introiti vanno infatti aggiunti anche quelli delle accademie di guida a suo nome, dell’infinita serie di prodotti del merchandising VR46 (che per un periodo ha anche fornito abbigliamento casual alla Juventus) e adesso anche della sua scuderia, la SKY Racing Team VR46, che ha esordito nel 2014 in Moto 3 e che attualmente partecipa al mondiale Moto2 (con Bagnaia che da favorito per le scommesse sportive online ha vinto il titolo nel 2018) e ha fatto il suo esordio in MotoGP in questa stagione.

Insomma, tutto ciò che ha a che fare con le due ruote, in qualche modo, finisce per avere su il marchio del Dottore. Ma dopo tutto quello che ha fatto in carriera, era anche logico andasse così… 

*L'immagine di apertura dell'articolo è di Antonio Calanni (AP Photo).

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

Articoli Correlati
Trayvon Bromell | Bromell velocista | Trayvon Bromell 100 metri

Il nuovo Re

Simona Quadarella | quadarella simona | quadarella fidanzato

Veleno Simona

Gregorio Paltrinieri | Paltrinieri | Greg argento olimpico Tokyo

Provaci ancora Greg

Nuovi sport olimpiadi | nuovi sport olimpici | surf e baseball

I nuovi sport a Tokyo

Elia Viviani | viviani elia | portabandiera Tokyo

Elia Omnium