Vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta. Una frase che ogni juventino trova scritta a lettere cubitali nel proprio cuore. E da quel punto di vista, il motto di Giampiero Boniperti ha trovato piena applicazione nella Torino bianconera. 36 Scudetti, più due revocati in seguito a Calciopoli, 13 Coppe Italia e 8 Supercoppe nazionali. E poi ancora due Champions League, una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA e due Supercoppe Europee.

Basta così? Decisamente no. Due Coppe Intercontinentali, una Coppa Intertoto e, già che ci siamo, anche l’unico campionato di B disputato. Se vincere è l’unica cosa che conta, la Signora ha ampiamente compiuto la sua missione. Ma nel calcio moderno, vincere non è più tutto. In era di Fair Play Finanziario, è necessario che la bacheca sia piena e che le casse del club non siano vuote. Anche in questo, la Juventus è maestra, nonostante quando si tratta di mercato e di contratti da quelle parti non si badi a spese.

Basterebbe pensare che l’acquisto più costoso della storia della Serie A è ovviamente targato Juventus ed è l’arrivo di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid per 110 milioni di euro. Il secondo posto? Bianconero anche quello, visti i 96 miliardi della clausola rescissoria per liberare Higuain dal contratto con il Napoli. E il terzo, neanche a dirlo, è della Signora, con gli 85 milioni versati all’Ajax per De Ligt. Quindi, quando c’è da sborsare denaro, non è un problema, l’importante è che i risultati arrivino.

E non sorprende dunque che il monte ingaggi della Juventus sia di nuovo quello più alto della Serie A: 236 milioni di euro lordi, diminuito rispetto alla stagione di Sarri grazie ad addii come quelli di Higuain e di Emre Can (rispettivamente 7,5 e 5 milioni netti all’anno), sostituiti con calciatori dalle… pretese economiche decisamente più basse. I dati, tra l’altro, segnalano una certa attenzione alla necessità di non fare troppe differenze. Tranne, ovviamente, che per un caso.

Il gruppo portieri

Si comincia dalla porta, dove il titolare, il polacco Szczesny, guadagna 6,5 milioni di euro netti all’anno. Considerando che i colleghi delle big europee hanno stipendi molto più alti, un vero e proprio affare per la Signora. Che in panchina ha il dodicesimo più celebre al mondo, Gigi Buffon. Per tornare a Torino dopo un anno a Parigi, il classe 1978 ha accettato un contratto che per la sua carriera è quasi simbolico: in questa stagione guadagna 1,5 milioni di euro netti. E il terzo portiere? Carlo Pinsoglio è vincente (visto che almeno una partita all’anno… la fa sempre), amico di Cristiano Ronaldo (e non è poco) e porta a casa uno stipendio da 300mila euro all’anno, oltre i premi. 

Difesa e centrocampo

In difesa domina, in campo come negli stipendi, Matthijs De Ligt. L’olandese è stato pagato parecchio e i suoi procuratori hanno ottenuto un ingaggio da top player: 8 milioni di euro netti, con un po’ di aiuto da parte del Decreto Crescita nell'estate del 2019.

Accanto a lui c’è ovviamente Leonardo Bonucci, che per tornare alla Juventus dopo la parentesi al Milan ha accettato di "ridursi" lo stipendio, accordandosi per 6,5 milioni di euro netti a stagione. Più indietro nella lista ci sono i due brasiliani, Alex Sandro e Danilo, che guadagnano rispettivamente 6 e 4 milioni netti.

In calo il contratto di Giorgio Chiellini, che è sceso a 3,5 milioni all’anno, mentre sono destinati a salire quelli di Merih Demiral (1,8 milioni) e soprattutto quello di Gianluca Frabotta, che è uno dei pallini di Pirlo ma è fermo a un ingaggio di 100mila euro all’anno.

A guidare il centrocampo ci sono due arrivi recenti. Aaron Ramsey e Adrien Rabiot erano i volti nuovi della Juventus di Sarri, clamorosamente eliminata dal Lione per le scommesse calcio ed essendo arrivati entrambi a parametro zero hanno potuto approfittarne per spillare un ingaggio più alto dei compagni di reparto. Sia per il gallese che per il francese 7 milioni di euro netti all’anno, due in più del grande acquisto del 2020, Arthur. Il brasiliano aumenta il suo stipendio rispetto ai tempi del Barcellona, ma non di troppo: per lui accordo a 5 milioni di euro netti all’anno.

Centrocampista ma anche difensore ed attaccante è Juan Cuadrado, vero jolly di Pirlo. Una duttilità ben retribuita con un contratto da 5 milioni anche per lui. E poi arrivano… i due di sostanza. Rodrigo Bentancur e Weston McKennie non avranno nomi altisonanti come i colleghi, ma di certo sono utilissimi alla squadra e all’allenatore. Ecco perché entrambi portano a casa una cifra rispettabilissima, 2,5 milioni di euro netti a stagione.

I botti in attacco

Dunque, uguaglianza. Beh, non proprio, perché c’è qualcuno che non può certo guadagnare come gli altri. Cristiano Ronaldo è chiaramente il calciatore con lo stipendio più alto della Juventus e dell’intera Serie A: per il portoghese 31 milioni di euro netti a stagione, meno soltanto di Neymar (36) e di Messi (50) a livello mondiale.

 

Dietro di lui, ma a distanza siderale, tutti gli altri. Paulo Dybala segue con uno stipendio da 7,3 milioni di euro netti, mentre due dei nuovi arrivi, Federico Chiesa e Alvaro Morata, sono "fermi" a 5 milioni. Più indietro Federico Bernardeschi, che ne guadagna 4, mentre è ultimo nel suo reparto lo svedese Dejan Kulusevski, che comincia la sua carriera in bianconero con 2,5 milioni a stagione.

Lo stipendio di Pirlo

E il Maestro? Andrea Pirlo non è uno dei tecnici più pagati della Serie A. Per lui 1,8 milioni di euro netti a stagione, tanti quanti ne percepisce Claudio Ranieri alla Samp e meno degli stipendi di Sinisa Mihajlovic, Simone Inzaghi, Stefano Pioli (tutti 2 milioni), Gian Piero Gasperini (2,2 milioni + bonus legati ai passaggi Champions), Paulo Fonseca (2,5 milioni) e ovviamente l'inavvicinabile Antonio Conte (12 milioni).

Ma c’è da giurare che se l’ex regista dovesse riuscire a portare a casa qualche trofeo, la cifra si alzerebbe ulteriormente. Del resto, vincere è l’unica cosa che conta. E che fa contare anche parecchi soldi in più!

*L'immagine di apertura dell'articolo è di Andrew Medichini (AP Photo).

Sull'autore
Di
888sport

The 888sport blog, based at 888 Towers in the heart of London, employs an army of betting and tipping experts for your daily punting pleasure, as well as an irreverent, and occasionally opinionated, look at the absolute madness that is the world of sport.

Articoli Correlati
griglia portieri | portieri Serie A | portieri Fantacalcio

2021/2022: i portieri

Musso portiere | Juan Musso | Musso portiere atalanta

Sicurezza argentina

Acquisti Hellas Verona - Calciomercato Verona - Hellas Verona mercato 2021 ultime notizie

Record di salvezze

Acquisti Sassuolo - Calciomercato Sassuolo - Sassuolo mercato 2021 ultime notizie

Coraggio e competenza
 

Rocco Commisso | Rocco commisso patrimonio

Parola di Rocco